Naviga nel sito

 

Come attivare/disattivare “Trova il mio iPad”

Come attivare/disattivare “Trova il mio iPad”

19:52 16 ottobre in Gestione iOS
0 Commenti

Tutti i dispositivi tecnologici cambiano spesso dimensioni negli anni. Diventano più piccoli, più grandi, o semplicemente meglio contenuti nelle loro enormi dimensioni. Considerando il campo dei Tablet, c’è veramente poco da dire: sono grandi per definizione, una volta partivano da almeno 7 pollici (una dimensione che ormai anche i cellulari stanno raggiungendo) e i “campioni” di questa categoria arrivano fino a 13 pollici.

L’iPad dell’Apple non è da meno, e per tanti motivi tende pure ad essere costoso così come le sue controparti telefoniche. Tuttavia non significa che viene trattato con meno rispetto dalla casa! Si da il caso che infatti molti di questi prodotti riceveranno un sistema operativo dedicato, perciò sono fuori da ogni pericolo d’una cura poco dedicata dell’Apple.

Ma perciò, cosa manca al famoso iPad? Semplicemente una funzione per non perderlo mai più. Anche se un tempo era possibile utilizzare qualche mezzo per rintracciare i prodotti perduti, un programma ufficiale della casa non era ancora uscito in giro. Ma adesso è disponibile la funzione “Trova il mio iPad”. Vediamo come possiamo attivarlo – o disattivarlo – e nel caso quali sono le alternative.

Per prima cosa, questa funzione viene attivata insieme all’iscrizione ad iCloud. Perciò, di regola, avete già tutto predisposto dall’inizio. Tuttavia ci sono possono essere casi nel quale questa protezione non viene attivata (un tablet non aggiornato, o un aggiornamento non andato a buon termine) e perciò bisogna intervenire per metterla in azione.

Sapere come disattivarla è anche necessario per un motivo preciso: l’iPad è di regola legato ad iCloud, e per disinserirlo dalla protezione bisogna prima entrare nell’account e rimuovere il Tablet. Se ad esempio vendiamo il nostro iPad, il servizio tenterà sempre di trovare quel prodotto usando il nostro account iCloud. Ovviamente, quella persona non può entrare nel nostro account iCloud, ma proprio per questo non potrà inserire il Tablet nella funzione “Trova il mio iPad”.

Per configurare “Trova il mio iPad” entrate nelle impostazioni e controllate se il vostro accesso è stato eseguito (visto che è legato al vostro account). Premete sul vostro nome ed  entrate quindi in “iCloud”. Cercate la sezione che riguarda le apps che fanno uso di iCloud. Al suo interno c’è una nutrita lista di programmi che eseguono l’accesso ad iCloud per vari motivi. Cercate “Trova il mio iPad” e premeteci sopra.

All’interno potete attivare l’opzione, così come la possibilità di memorizzare l’ultima posizione nota e di abilitare il ritrovo del dispositivo anche su Offline. Se avete intenzione invece di disattivare la funzione, tenete presente che verranno disattivate anche altre funzioni di sicurezza, perciò in successivo controllatele tutte. Vi sarà chiesto l’accesso ad iCloud come conferma di quest’operazione.

Adesso che il vostro iPad è protetto dal sistema, non vi rimane che testarlo. Andate su iCloud ed effettuate l’accesso. Nel menù che vi sarà messo a vostra disposizione, cliccate su “Trova iPhone”. Anche se la funzione si chiama così, aprendo tutti i dispositivi disponibili, troverete anche il vostro iPad nella lista!

Così come potete interagire con il vostro iPhone, anche l’iPad può funzionare con lo stesso sistema di notifiche. E’ possibile infatti farlo suonare, cancellare totalmente la sua memoria oppure metterlo in modalità smarrito. Sotto questa modalità, l’iPad non può essere azionato. Apparirà piuttosto un messaggio che indica le informazioni di contatto, utile per mettervi in contatto con chi magari l’ha ritrovato.

Se non preferite questo sistema (che è comunque molto ben programmato!) esistono comunque tanti altri servizi con il quale potete attivare una funzione utile a ritrovare i dispositivi persi. Uno di questi è Prey  il quale può funzionare come un programma nascosto (non lascia notifiche di tracking) e può specificare tutti i punti nel quale il tablet è passato.

0 Commenti

Pubblica un Commento